Logo di sawadee

Fare un tatuaggio in Thailandia

Non sono sicuro di cosa sia la Thailandia che alletta così tante persone a farsi fare dei tatuaggi durante il loro soggiorno qui. Probabilmente è più economico che averlo fatto a casa e poi c’è l’elemento mistico e spirituale che chiaramente tenta le persone a ottenere design di ispirazione buddista. Tuttavia, non sono solo i farang a subire l’ago.

Sak Yant – tatuaggio tradizionale del tempio

Il Sak Yant viene solitamente eseguito dai monaci e si crede che conferisca determinati poteri alla persona che riceve il tatuaggio. Il Sak Yant è un serio rituale buddista e molti uomini thailandesi subiscono il dolore dell’inchiostro che viene punzonato manualmente sulla pelle con bacchette metalliche piuttosto che con la solita macchina associata ai tatuatori. Anche questo è un leggero cenno alla modernità; originariamente venivano usati chiodi da bare. L’inchiostro utilizzato in Yants è una miscela di inchiostro cinese o indiano e whisky. All’inchiostro possono essere aggiunti anche veleno di serpente o scorpione e ceneri di una cremazione.

Sak Yant

Il potere magico del tatuaggio

Molti buddisti credono nel potere degli Yant. Alcuni Yant hanno lo scopo di proteggere dai danni fisici ( Kong Grapan Yant ) mentre altri hanno lo scopo di portare fortuna ( Maettha Yant ), ma non è così semplice. Se qualcuno riceve uno Yant e fa cose cattive, riceverà sfortuna. Le regole degli Yant dovrebbero far vivere le loro vite in un modo migliore.

Per i veri credenti ci sono numerosi racconti e prove del potere degli Yant. Ci sono storie di cadaveri in cui il corpo è marcito ad eccezione dell’area in cui è iscritto lo Yant. I vecchi disegni e modelli Khmer sono tutti pensati per avere il proprio significato e diventare un maestro Sak Yant richiede anni di dedizione.

Avere tatuaggi sbagliati: vero o leggenda metropolitana?

Molti di noi hanno probabilmente sentito una variazione della storia dello zaino in spalla che è andato in Thailandia e si è fatto fare un tatuaggio al Full Moon Party a Ko Phan Ngan. Il tatuaggio che pensava fosse una scrittura tailandese per il suo nome si rivelò essere le parole tailandesi per “stupido straniero”.

Che quella particolare storia sia vera o no, anche i maestri di Sak Yant hanno ammesso di aver deliberatamente sbagliato a scrivere le lettere per le persone che si credeva ricevessero uno Yant senza buone intenzioni. Se una persona thailandese può ricevere un tatuaggio sbagliato, allora ci sono tutte le possibilità che anche alcuni occidentali siano stati dall’altra parte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.