Logo di sawadee

Il centro della Thailandia

[et_pb_section fb_built=”1″ _builder_version=”3.0.47″][et_pb_row _builder_version=”3.11.1″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat”][et_pb_column type=”4_4″ _builder_version=”3.0.47″ parallax=”off” parallax_method=”on”][et_pb_text _builder_version=”3.11.1″ text_font=”Lato||||||||” text_font_size=”16px” link_font=”Lato|100|||||||” link_font_size=”17px” ul_font=”Lato||||||||” ul_font_size=”17px” ol_font=”||||||||” quote_font=”||||||||” header_font=”||||||||” header_font_size=”50px” header_2_font=”Indie Flower||||||||” header_2_font_size=”36px” header_3_font=”||||||||” header_4_font=”||||||||” header_5_font=”||||||||” header_6_font=”||||||||” background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat”]

Il centro della Thailandia

Il centro della Thailandia
Il Chao Phraya, “Madre delle Acque”,  o the Menam or Mae Nam (Thai: แม่น้ำ) come scritto nelle vecchie mappe europee, con i suoi tributari, attraversa un territorio pianeggiante e fertile e un bassopiano a circa 80 metri sotto il livello del mare. Questa regione confina con il nordest della Thailandia (Isan) con la catena montuosa del Phetchabun, altre catene montuose la separano dal Myanmar a ovest.
Qui il paesaggio e’ piuttosto piatto immutabile facilitato dalle acque interne e dal trasporto su strada. Solo verso nord il paesaggio cambia in piu’ graziose colline, cio’ e’ dovuto al fatto che ci avviciniamo al nord della Thailandia. Il terreno della regione è dominata da un grande fiume, il Chao Phraya, dai suoi affluenti e dai campi di riso coltivati. La citta’ metropolitana di Bangkok e’ il punto focale del commercio, dei trasporti. L’’attività industriale, è situato sul bordo meridionale della regione, alla testa del Golfo di Thailandia e comprende una parte del delta del Chao Phraya La base del terreno, costituitasi attaverso i millenni, grazie all’azione di deposito delle acque e’ formata da sabbia, ghiaia e altri materiali di disgregazione, integrati dal continuo apporto di frammenti di rocce sedimentari e sostanze minerali che i fiumi traportano dalle montagne fino al mare. Per arginare le grandi alluvioni causate dal Chao Phraya si e’ costruito nel tempo un complesso sistema di dighe, le quali tuttavia non bastano ad arginare completamente la potenza del fiume. E’ in questa zona che si e’ sviluppata la cultura intensiva del riso.

La ciotola di riso dell’Asia

Il “cuore”, Thailandia centrale, è un bacino naturale indipendente è spesso denominato “la ciotola di riso dell’Asia”, detto questo si capisce come la cucina in questa zona sia basata su piatti di riso fragrante, come il jasmine. Nel tempo in questa regione si e’ sviluppato un complesso sistema di irrigazione per la coltivazione del riso e cio’ ha rappresentato il necessario sostegno economico per sostenere l’evoluzione dello stato thailandese dal regno di Sukhothai 13° secolo alla contemporanea Bangkok. L’area fertile è stata in grado di sostenere una densa popolazione, 422 persone per chilometro quadrato nel 1987, rispetto ad una media di 98 per il paese nel suo complesso.
L’area fu il punto centrale del regno di Ayutthaya e rimane ancora l’area principale della Thailandia, la piu’ popolata regione del paese e quella in cui si trova la capitale: Bangkok.
La Thailandia centrale comprende le seguenti 12 provincie: Bangkok, Ang Thong, Ayutthaya, Chainat, Lopburi, Nakhon Nayok, Nakhon Pathom, Nonthaburi, Pathum Thani, Samut Prakan, Samut Sakhon, Saraburi, Singburi.
[/et_pb_text][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section]