Logo di sawadee
ko chang Noi

Ko Chang Noi

Ko Chang Noi


Ci sono isole rilassate e poi c’è Ko Chang Noi . L’isola più settentrionale della sezione thailandese del Mare delle Andamane si affaccia direttamente sulla Birmania, con le sue spiagge di sabbia scura sostenute da semplici bungalow, frutteti di anacardi e giungla in un interno formidabile. Per coloro a cui non dispiace fare il duro in cambio di un serio relax, questo è un posto speciale.

A differenza della molto più popolare Ko Chang della Thailandia orientale, la “Little Elephant Island” della provincia di Ranong rimane ben lontana dal radar del turismo tradizionale. I “resort” mancano di acqua calda e televisori, accendono i generatori solo per poche ore la sera. Un viaggiatore spagnolo che si ritira qui ogni anno per mesi ha spiegato: “All’inizio sembra solo scomodo, ma dopo un po ‘, quando la natura inizia davvero ad affondare, noti piccole cose che non noteresti mai durante un breve soggiorno”.

Ko Chang Noi
ko chang Noi spiaggia

È uno dei tanti europei di mezza età e anziani che tornano ogni anno, spesso negli stessi bungalow, per assaporare il tipo di atmosfera che esisteva su isole come Ko Samui negli anni ’70 e ’80. Vengono principalmente per le capanne economiche e lo spirito comunitario piuttosto che per le spiagge, che non hanno lo scintillio di molte isole thailandesi ma vanno bene per un tuffo e ottime per i tramonti. Molti passano le loro giornate a scrivere, dipingere, strimpellare una chitarra o leggere su un’amaca.

La maggior parte del reddito degli isolani proviene dall’agricoltura e dalla pesca piuttosto che dal turismo che scompare quando un monsone particolarmente intenso si diffonde da maggio a ottobre. La terra viene tramandata di generazione in generazione ed è normale che il proprietario di un resort sia cugino del proprietario di un altro lungo la spiaggia. I bungalow si riempiono durante il capodanno occidentale, quando le partite di calcio organizzate e le band dal vivo superano un tratto centrale di Ao Yai.

Ci è stato detto che l’isola sembra un dominio autonomo, supervisionato da un poliziotto che risiede sulla terraferma. Una piccola base della marina thailandese si trova sulla costa nord-occidentale, ma non toglie nulla all’atmosfera di basso profilo. A parte i soldati che di tanto in tanto fanno jogging sulle spiagge, quasi tutti – del posto o un viaggiatore, un amico o uno sconosciuto – salutano sempre “ciao” di passaggio. Il turismo sostenibile di Chang Noi è un mondo lontano dall’atteggiamento di accaparramento di denaro e dallo sviluppo eccessivo che rovina le isole thailandesi più affollate, come Ko Tao e Ko Lipe .

Coloro che cercano un po ‘di azione possono andare a pescare in una barca a coda lunga, pagaiare in kayak o partecipare a una partita di beach volley al tramonto. I subacquei possono collegarsi con Aladdin Dive Safari per un viaggio dal vivo a bordo nell’arcipelago di Mergui in Birmania o in una serie di siti di immersione thailandesi. Sul tratto settentrionale di Ao Yai, Om Tao offre ritiri di yoga e qui gong. Accanto, il proprietario del Bar La organizza snorkeling e gite in campeggio a Ko Kum, parte del Parco Nazionale Marino di Laem Son a sud.

Durante un’escursione nella giungla meridionale dell’isola o nelle insenature settentrionali potresti avvistare buceri e molti altri tipi di uccelli insieme a tutti i tipi di farfalle, scimmie, serpenti, rane e fiori. Arriva a marzo per vedere gli isolani raccogliere gli anacardi per i quali questa parte della Thailandia è famosa. Nessun vero pachiderma vaga per l’isola, che abbiamo sentito prende il nome dalla sua forma che ricorda vagamente un elefante a riposo.

Se ti piace la vita tranquilla ma preferiresti un’isola con WiFi più coerente, alimentazione 24 ore su 24, noleggio di moto e altre comodità, opta invece per la vicina Ko Phayam .

Orientamento Situato a circa 10 chilometri a sud-ovest della città di Ranong e solo pochi chilometri a sud della più vicina isola birmana, “la piccola Chang” non è esattamente piccola, arrivando a 10 chilometri da cima a fondo con una larghezza di quattro chilometri nella maggior parte dei punti. Nel sud, una grande montagna ricoperta di giungla è protetta come foresta nazionale, mentre le fattorie di gomma e anacardi ricoprono la maggior parte dell’interno. Vedi Esplorare Ko Chang Noi a piedi per conoscere il territorio.

Questa è una destinazione rustica senza bancomat, banche o 7-elevens , e solo una piccola clinica medica pubblica situata a est del villaggio intorno al centro dell’isola. Il cambio di valuta estera e gli anticipi di contanti sulle carte di credito sono disponibili presso Starlight Travel sulla Central Ao Yai e nei resort più grandi come Cashew e Sawasdee. I minimarket si trovano a Minimart, che si trova accanto al tempio nel centro di Ao Yai, e nel villaggio. Cerca di portare banconote di piccole dimensioni dalla terraferma, poiché gli imprenditori spesso hanno problemi a cambiare banconote da 1.000 baht per piccoli acquisti.

Il WiFi è gratuito per i clienti di Minimart e di un paio di bar del villaggio. Il nostro cellulare funzionava bene in tutta Ao Yai, nel villaggio e, sorprendentemente, giù su Ao Siad, ma abbiamo perso il servizio a nord di Hornbill Bungalows sulla costa nord-occidentale e in gran parte dell’interno. Una torcia è un must e dovresti portare candele o lampade a batteria se vuoi rimanere sveglio oltre le 22:00, quando la maggior parte dei generatori è spenta. Prendi anche una mappa in uno degli uffici di viaggio vicino al molo di Ranong prima di prendere la barca per Chang Noi.

Per chiarire, abbiamo aggiunto la parola thailandese Noi (“Piccolo”) per differenziare Ko Chang nella provincia di Ranong dall’omonima isola molto più grande e più conosciuta nella Thailandia orientale. La gente del posto lo chiama semplicemente Ko Chang, e dovresti farlo anche tu mentre sei in zona.