Logo di sawadee

Ko Jum/Pu: Perché due nomi?

Un brutto caso di blocco dello scrittore mi ha impedito di finire questo articolo quando inizialmente avevo programmato di pubblicarlo la scorsa settimana. Durante il fine settimana, ho capito cosa ha causato il blocco mentale. Una storia vera dovrebbe avere un qualche tipo di azione: un’escursione o un’eclissi o un giorno che cambia la vita . Ma quando penso a Ko Jum/Pu , non mi viene in mente nessuna azione. In effetti, quello che viene in mente è non fare nulla.

Per la maggior parte dei visitatori, rilassarsi è lo scopo principale di visitare questa tranquilla isola nella provincia di Krabi . Quasi tutti i viaggiatori che si avventurano in questa parte delle Andamane thailandesi e vogliono fare festa, fare immersioni o arrampicarsi su roccia – o fare qualsiasi altra cosa – finiscono a Ko Phi Phi o Ko Lanta o Railay o Phuket . Una folla molto più piccola, spesso più matura nei loro anni, si dirige invece verso Ko Jum / Pu.

Avvicinandosi a Ko Pu da nord con la sua montagna caratteristica in vista.
Avvicinandosi a Ko Pu da nord con la sua montagna caratteristica in vista.

Puoi organizzare gite in barca al gruppo di Ko Phi Phi e andare in kayak, fare escursioni, andare in bicicletta e fare jogging a Ko Jum / Pu , ma la tranquillità è l’attrazione per la maggior parte di coloro che adorano quest’isola. Ad alcuni viaggiatori piace così tanto Ko Jum / Pu che tornano il più spesso possibile e rimangono il più a lungo possibile. Fare lunghe passeggiate e letture più lunghe; sonnecchiare su un’amaca e andare alla deriva nel mare; fare amicizia e nascondersi sotto una zanzariera di notte: questo è tutto ciò che la maggior parte delle persone viene a fare a Ko Jum / Pu .

Kayak, amaca o sedia a sdraio Una scelta difficile al Luboa Hut.
Kayak, amaca o sedia a sdraio Una scelta difficile al Luboa Hut.

Naturalmente, c’è ancora la domanda su dove concentrare tutto quel relax su quest’isola di medie dimensioni. Con questo in mente, ho esplorato entrambi i lati Ko Jum e Ko Pu durante l’aggiornamento della guida di sawadee. Non mi è mai piaciuto molto oziare sulla spiaggia, quindi la maggior parte di un viaggio di ritorno per il tempo libero all’inizio del 2019 è stato anche dedicato all’esplorazione e alla conoscenza dell’isola.

Salutando la gente del posto a Ban Ko Pu con Ko Si Boya in sottofondo.
Salutando la gente del posto a Ban Ko Pu con Ko Si Boya in sottofondo.

In questo articolo, presento Ko Jum / Pu attraverso la sua storia e geografia spiegando perché vengono utilizzati nomi diversi per le parti settentrionale e meridionale dell’isola. Poi, in un secondo post in arrivo, ti porterò a fare un giro tra spiagge, resort, fattorie e altro ancora. come sempre, grazie per aver letto!

Parte di un gruppo di isole più grande

Ko Jum / Pu si trova nel sottodistretto di Ko Si Boya , che prende il nome da un’isola vicina di dimensioni simili. I villaggi su entrambe queste isole a forma di punta di freccia sono strettamente imparentati con quelli di Ko Hang , un’altra isola di medie dimensioni situata più vicino alla foce del fiume Phela , così come Laem Kruad e Hat Yao sulla terraferma. Stretti stretti e mangrovie riempiono questa costellazione acquosa di comunità.

mappa dell'isola disegnata a mano.
Devo amare una mappa dell’isola disegnata a mano. Per gentile concessione del bungalow stagionale.

Il gruppo Ko Si Boya contiene anche 10 piccole isole e isolotti che sono disabitati o hanno solo una fattoria o due. Uno di questi è Ko Tulang , i cui boschetti di gomma si trovano a soli 100 metri dalle mangrovie orientali di Ko Jum/Pu .

Ecco una mappa più completa di Ko Jum / Pu e del gruppo Ko Si Boya.

Quando rimbombano tra i villaggi, i conducenti di barche a coda lunga devono fare attenzione ai dugonghi che occasionalmente si allontanano dalle loro alghe vicino a Ko Si Boya . Sede di una mandria di circa 40 di questi mammiferi marini in pericolo di estinzione, questo è il secondo habitat di dugonghi più grande rimasto in Thailandia, dopo quello più noto a Ko Libong . Mariam, il vitello dugongo che ha conquistato milioni di cuori nel 2019, proveniva da Ko Si Boya.

Oscillare la coda lunga a Ban Mutu.
Oscillare la coda lunga a Ban Mutu.

Due nomi di pari livello

Molte isole thailandesi hanno più di un nome, ma Ko Jum/Pu è l’unico che scrivo sempre con un trattino tra i due nomi piuttosto che sceglierne uno e citarne altri tra parentesi. Perché il trattamento speciale?

A differenza di Ko Khai (aka Ko Chuku ) e Ko Sukorn (aka Ko Mu ), il nome che usi non dipende da con chi stai parlando ma piuttosto da quale parte dell’isola stai parlando. Il nord è Ko Pu , “Isola del granchio”, mentre il terreno meridionale più stretto è Ko Jum . Questo antico nome Urak Lawoi è una traduzione abbreviata di kra-jab , un albero che un tempo fioriva nel sud dell’isola.

La maggior parte degli Urak Lawoi costruiscono le loro case su palafitte sopra la terra
La maggior parte degli Urak Lawoi costruiscono le loro case su palafitte sopra la terra che si riempie di mare poco profondo quando la marea è alta, come si vede qui nella comunità di Ban Ko Pu.

I primi isolani conosciuti furono Urak Lawoi che emigrò a nord dalla costa orientale di Ko Lanta Yai secoli fa. All’inizio vivevano sulla costa nord-orientale vicino all’attuale Ban Ko Pu . Ad un certo punto, tuttavia, un’epidemia ha costretto i sopravvissuti a 10 km a sud, all’estremità opposta dell’isola. Scelsero il sito di un tentacolare albero di banyan che ancora pende vicino alla costa nell’attuale Ban Ko Jum.

Il sacro banyan di Ban Ko Jum.
Il sacro banyan di Ban Ko Jum.

La geografia e il fatto che gli Urak Lawoi viaggiassero quasi esclusivamente in barca suggeriscono perché un’isola fosse vista come due. Vicino al centro dell’isola, solo un’aspra striscia di terra asciutta di 200 metri si estende tra il mare a ovest e una foresta di mangrovie di sette chilometri quadrati a est. Ai vecchi tempi, la fitta giungla ricopriva quel terreno occidentale, rendendo facile vedere come i coloni considerassero il terreno sudorientale come un’isola separata, anche se sapevano che tecnicamente era una massa continentale contigua.

Preso dal retro della ripida collina che si trova accanto ad Ao Si
Preso dal retro della ripida collina che si trova accanto ad Ao Si, questo scatto mostra parte della foresta di mangrovie sul lato est dell’isola. Mentre il turismo si concentra sulle spiagge della costa occidentale, gran parte della vita locale si svolge ancora a est.

Alla fine gli Urak Lawoi si assimilarono parzialmente ai musulmani thailandesi che arrivarono all’inizio del XIX secolo per ristabilire il nord dell’isola, un’area che chiamarono Ko Pu . Altri due villaggi più vicini al centro, Ban Mutu sulla costa orientale e Ban Ting Rai a ovest, ospitano ora un misto di musulmani thailandesi e di Urak Lawoi. Piccole moschee si trovano a Ban Ko Pu e Ban Ting Rai .

Uno sguardo alla moschea di Ban Ko Pu.
Uno sguardo alla moschea di Ban Ko Pu.

La maggior parte del resto dei circa 1.500 nativi discende dai cinesi che iniziarono ad arrivare alla fine del XIX secolo, stabilendosi principalmente a Ban Ko Jum . Ora è il villaggio più grande dell’isola con il molo più attivo e l’unico tempio buddista. Attirando i viaggiatori al tramonto, alcuni dei ristoranti di pesce di Ban Ko Jum si affacciano sugli isolotti di Ko Lek e Ko Jum Noi . Alcuni negozi di viaggi noleggiano moto e biciclette ai viaggiatori che arrivano con il traghetto locale piuttosto che con il traghetto per Ko Lanta al largo della costa occidentale.

Raccolta di crostacei con Ko Phi Phi Leh in background.
Raccolta di crostacei con Ko Phi Phi Leh in background.

Le famiglie native cinesi-thailandesi ora possiedono la maggior parte dei circa 30 piccoli resort, il primo dei quali è stato aperto nei primi anni ’90. Altri sono gestiti da continentali, inclusi alcuni occidentali, che hanno portato i loro stili di vita alternativi a Ko Jum / Pu più di recente. Ogni resort è di proprietà indipendente, senza grandi marchi di hotel e nemmeno un bancomat o 7-eleven, l’ultima volta che ho controllato. Anche i resort più grandi sono minuscoli rispetto ai giganti di cemento di Ko Phi Phi Don e altrove.

Lasciando il turismo di massa alle spalle saltando dal traghetto Ko Lanta
Lasciando il turismo di massa alle spalle saltando dal traghetto Ko Lanta

Nonostante sia così vicino ad alcune delle destinazioni balneari più famose della Thailandia, il turismo di massa non ha ancora toccato Ko Jum/Pu . Quando alcuni viaggiatori raccolgono i bagagli sul traghetto che collega la città di Krabi a Ko Lanta Yai e salgono su una delle barche a coda lunga in attesa dirette a Ko Jum / Pu , molti dei passeggeri diretti a Ko Lanta rimangono disorientati dall’isola frondosa che stai passando. 🌴

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.