Logo di sawadee

Ko Kho Khao

Ko Kho Khao
Ko Kho Khao

NON C’È BISOGNO DI LASCIARE QUELLA SEDIA A SDRAIO

A soli dieci minuti di barca dall’area di Takua Pa della provincia di Phang Nga, Ko Kho Khao (pronuncia vacca kaw koe) non sembra molto diversa dalla terraferma. Tuttavia, per coloro che cercano una destinazione balneare per famiglie che non sia remota come la vicina Ko Phra Thong ma non così affollata come Khao Lak o Phuket , Kho Khao merita una visita. Le lunghe spiagge dorate dell’isola sono l’attrazione principale, ed esteticamente sono simili alle spiagge della zona di Khao Lak più a sud. Le acque sono leggermente torbide e mancano delle incontaminate tonalità acquamarina di Ko Surin, a ovest, ma le spiagge sono comunque perfette per nuotare, fare passeggiate romantiche e tramonti abbaglianti.

L’isola sembra ancora un luogo segreto, ma gradualmente stanno spuntando altri resort . Sebbene l’isola di Kho Khao (Montagna del collo) sia sempre più inclusa nel radar dei turisti, specialmente con tedeschi e scandinavi, rimane un affare marcatamente assonnato: il luogo perfetto per godersi l’isolamento senza sacrificare la qualità, il comfort e un’adeguata selezione di servizi orientati ai visitatori.

Ombrelloni E Sdraio Koh Kho Khao
Ombrelloni E Sdraio Koh Kho Khao

Circa 16 chilometri da nord a sud, Ko Kho Khao è caratterizzata principalmente da distese di sabbia piatta ed erbosa verso il suo centro e una vasta area di mangrovie e canali a est. L’attuale popolazione di circa 1.300 persone è quasi tutta buddista, con tre piccoli templi buddisti trovati sull’isola. Baan Pak Koh al molo è il più attivo (ma non per niente affollato) dei cinque villaggi dell’isola. A parte il turismo, i locali di Kho Khao si guadagnano da vivere principalmente dalle piantagioni di frutta, gomma e olio di palma e dall’allevamento di gamberetti.

Storicamente è stato punto di approdo di antichi coloni che nel tempo si sono poi diffusi in tutta la penisola malese. Più tardi, era un punto di sosta popolare tra i cinesi e altri commercianti durante il periodo di massimo splendore della zona di Takua Pa come centro minerario di stagno.

ritmo della vita è lento a Ko Kho Khao
ritmo della vita è lento a Ko Kho Khao

Antiche ceramiche, gioielli e notevoli statue buddiste e indù sono state portate alla luce nel sito archeologico di Tung Tuk nel sud-est dell’isola, alcune delle quali possono essere viste al Museo Nazionale Thalang di Phuket e al Museo Nazionale di Bangkok . Un paio di padiglioni (dall’aspetto trascurato) in questo sito antico della città ospitano grandi poster informativi con dettagli storici e foto.

A nord-ovest c’è una vecchia pista aerea ricoperta di vegetazione che è stata utilizzata dai giapponesi durante la seconda guerra mondiale. Altre attrazioni e attività di basso profilo includono la piccola ma graziosa cascata di Toan Thong a nord-est, un’operazione di kayak che organizza escursioni nei canali settentrionali e orientali, viaggi di birdwatching, snorkeling nella vicina Ko Pha o nella più remota Ko Tachai e immersioni con l’unica operazione di immersione dell’isola: Kho Khao Diving.

mangrovie a Ko Kho Khao
mangrovie a Ko Kho Khao

Una strada asfaltata a due corsie corre direttamente da Baan Pak Koh fino alla costa settentrionale dell’isola, e tutto sull’isola si trova lungo le corsie laterali di questa strada. La maggior parte dei resort di fascia alta sono situati lungo il tratto meridionale della spiaggia noto come Pak Koh con un solido punto di fascia media un po’ più a nord sulla spiaggia di Bang Neang. Con la bassa marea è possibile camminare lungo le spiagge per diversi chilometri, ma con l’alta marea parti della spiaggia meridionale diventano impraticabili, tranne quelle protette dalle dighe costruite da alcuni dei resort.

Più a nord c’è la spiaggia di Nok Na, la distesa di sabbia più remota con un’atmosfera simile alle spiagge ultra appartate del vicino settentrionale di Ko Kho Khao, Ko Phra Thong. Verso nord è anche possibile percorrere in moto o in bicicletta i sentieri sterrati che si snodano nelle zone di mangrovie a est.

A causa del suo paesaggio piatto, Ko Kho Khao è stata devastata dallo tsunami del 2004 e molti locali hanno scelto di non tornare e ricostruire. Le torri di allarme tsunami e gli edifici di evacuazione sono sparsi in tutta l’isola, con un resort sulla spiaggia – Ocean Breeze – che costruisce persino la propria torre di fuga dallo tsunami. Il ricordo più visibile della distruzione dello tsunami è a Baan Muang Mai, sulla costa orientale, dove tutto ciò che rimane del suo ex ufficio sub-distrettuale sono le fondamenta, che ora servono come una sorta di santuario. Parti dell’isola hanno ancora un’atmosfera dimenticata e infestata, soprattutto di notte.

Orientamento

A meno che non provengano da un longtail privato da Ko Phra Thong, praticamente tutti i visitatori di Ko Kho Khao arrivano al molo di Ko Koh Khao di Baan Pak Koh all’estremità meridionale dell’isola dopo essere sbarcati dal longtail o dai traghetti che partono dal molo di Nam Khem attraverso lo stretto rettilineo che separa l’isola dalla terraferma.

Subito dopo l’arrivo l’isola si presenta come un luogo accogliente e accessibile con un ampio numero di taxi, ristoranti, negozi e compagnie turistiche che offrono noleggio moto. L’infrastruttura è buona ovunque, con Internet e accesso mobile quasi ovunque. La connessione Wi-Fi gratuita è disponibile in quasi tutti i resort dell’isola e in alcuni ristoranti.

Viaggio semplice a Ko Kho Khao
Viaggio semplice a Ko Kho Khao

L’isola ha due cliniche sanitarie, una all’estremità settentrionale del villaggio di Pak Koh e l’altra a nord, e l’ospedale di Takua Pa è a meno di mezz’ora di barca e auto.

C’è una piccola cabina di polizia dall’altra parte della strada principale dall’ingresso al Tacola Resort.

Ci sono un paio di bancomat vicino al molo di Baan Pak Koh e i resort più grandi accettano VISA e Mastercard.

Ko Kho Khao è una destinazione molto stagionale . Mentre alcuni resort rimangono aperti tutto l’anno, puoi aspettarti che funzionino con personale ridotto e la maggior parte delle strutture turistiche dell’isola venga chiusa da maggio a ottobre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.