Logo di sawadee

Ko Libong

Ko Libong

OTTIMA SCELTA PER LA VITA TRANQUILLA

L’isola più grande ma certamente non la più trafficata della provincia di Trang, Ko Libong culla i viaggiatori in uno stato mentale più semplice con i suoi paesaggi insoliti, le profonde notti stellate e i villaggi di pescatori musulmani non influenzati dal turismo di massa.

Perché dovresti andare a Ko Libong?

I visitatori fortunati potrebbero intravedere un dugongo in via di estinzione . Cugini stretti del lamantino e più lontanamente imparentati con gli elefanti, circa 130 dugonghi paffuti e amabili, noti anche come “mucche di mare”, si nutrono di erba marina tra le mangrovie orientali che sono protette come parte della riserva naturale dell’arcipelago di Libong intorno a Capo Ju Hoi, e talvolta più vicino alle località del sud. Se prendi una delle gite in barca per avvistare il dugongo, aspettati una possibilità su tre di vederne effettivamente uno.

Ko Libong
destinazione Ko Libong

Non preoccuparti se non riesci a individuare un dugongo: un’occhiata ai 40 chilometri quadrati di terreno di Libong rivela molte altre sorprese. I tratti orientali rivelano un paesaggio simile alla savana con alberi di anacardi e lunghe erbe che crescono dalla sabbia bianca e fine. La fitta giungla copre le colline interne, che si assottigliano in boschetti di gomma e frutteti. Gran parte della costa occidentale è abbellita da ampie spiagge di sabbia dorata punteggiate da alcune interessanti formazioni rocciose.

Fermati al villaggio sulla costa sud-orientale di Batu Bute (e divertiti a pronunciare il nome), sede di un gruppo di isolani musulmani che vivono di pesca e abitano in case su palafitte su una pittoresca baia. Da qui, una lunga passerella di cemento ti porta a un paio di centinaia di metri sul mare, terminando in un’alta torre di osservazione che è stata costruita per l’avvistamento dei dugonghi, ma rappresenta comunque una salita gratificante, specialmente verso il tramonto. Rispetta le usanze locali coprendoti quando sei lontano dalla spiaggia.

Foto dell'ora di punta a Ko Libong
Foto dell’ora di punta a Ko Libong

Conosciuta come Haad Lang Kao , la principale spiaggia della costa occidentale ospita i principali resort di Libong. La sabbia è un mix di abbronzatura fine e giallo granuloso, con spazio più che sufficiente per andare in giro. Uno strato di rocce al largo intralcia il nuoto con la bassa marea, ma avrai molta profondità per fare il dorso con l’alta marea. La solita spazzatura delle maree viene ripulita di fronte ai resort, dove le amache appese ai tronchi degli ombrelli e degli alberi di cocco offrono una vista su Ko Muk , Ko Kradan e (in una giornata limpida) Ko Rok . Con l’alta marea, lo scenario della spiaggia di Libong è quasi uguale a queste isole.

Dov’è Ko Libong

Ko Libong è l’isola più grande della provincia di Trang, nel sud-ovest della Thailandia. L’isola si trova a circa 12 km a sud di Ko Muk, ma a soli 3,5 km dalla costa della terraferma. L’aeroporto più vicino a Ko Libong è a Trang, anche se ci sono collegamenti via mare con molte isole e località della terraferma nel sud-ovest della Thailandia. Questo rende facile combinare una visita a Ko Libong con altre isole circostanti.

Le spiagge a Ko libong non sono così affollate
Le spiagge a Ko libong non sono così affollate

Quali sono le alternative a Ko Libong

Ko Libong si rivolge a coloro che cercano una vacanza sull’isola più genuina, con una serie di attività semi-eco. Ci sono solo un piccolo numero di resort sull’isola, per lo più schiacciati nella parte sud-ovest dell’isola (tutti sono raggiungibili a piedi l’uno dall’altro). Questa è un'”isola vivente” nel senso che ci sono villaggi locali e gente tailandese locale che va avanti con la propria vita, quindi ha un’atmosfera meno artificiosa e più autentica rispetto alle isole “fatte per i turisti” a nord come Ko Kradan e Ko Ngai.

La spiaggia è decente, ma non è la migliore della regione, ed è in gran parte impraticabile con la bassa marea, quindi se nuotare tutto il giorno è importante per te, ma desideri comunque un’atmosfera locale, considera Ko Muk . Se non sei così preso dalla cultura locale, sia Ko Kradan che Ko Ngai hanno spiagge di gran lunga migliori. D’altra parte, se vuoi qualcosa di ancora più tranquillo, considera Ko Sukorn , la prossima isola principale in direzione sud.

Cerchi qualcosa nel mezzo? Simile a dire Ko Muk, ma altrove? Ko Bulon Lae , situata una o due ore più a sud in barca, dovrebbe essere in cima alla tua lista.

Quando andare a Ko Libong

Ko Libong è soggetta allo stesso monsone del resto della costa sud-occidentale della Thailandia. La stagione delle piogge va all’incirca da maggio a ottobre, periodo durante il quale molti luoghi dell’isola sono chiusi. Tuttavia, durante la stagione secca (e alta), aspettati mari calmi e sole splendente. L’alta stagione va da novembre ad aprile, con gennaio e febbraio in particolare molto affollati (e costosi). Si consiglia la prenotazione in anticipo nel mese di febbraio. I dugonghi non sono migratori, quindi sono qui tutto l’anno.

Orientamento

Ko Libong è l’isola più grande della provincia di Trang, ma anche una delle meno sviluppate. Salva un gruppo di famiglie nel villaggio di Batu Bute, la maggior parte degli alloggi si trova sulla costa sud-occidentale dell’isola. Se hai intenzione di fare un’esplorazione, prendi in considerazione l’idea di noleggiare una bicicletta o uno scooter poiché le motociclette sidecar diventano un po’ costose in fretta: l’isola è troppo grande per camminare.

I visitatori provenienti dalla terraferma arrivano al molo locale di Baan Maphao , un piccolo villaggio sulla costa orientale. Da qui, una stretta strada in mattoni e cemento taglia a sud fino a Batu Bute prima di attraversare l’isola per accedere ai resort. Raggiungendo la riserva naturale su un’ampia penisola orientale, e fino al terreno collinare settentrionale con le sue spiagge isolate, molte delle altre strade finiscono in vicoli ciechi. Ciò non significa che non valga la pena esplorarli.

C’è un solo bancomat a Batu Bute , dove troverai anche una piccola clinica sanitaria, ma qualsiasi cosa seria richiederà un viaggio di ritorno alla città di Trang , a circa 50 chilometri a nord-est del molo di Hat Yao sulla terraferma. Tutti i resort ora gestiscono l’elettricità 24 ore al giorno.


Dove alloggiare a Koh Libong

Il Libong Beach Resort, sempre eccellente, rimane il nostro punto di riferimento con vista sulla sabbia dorata di Haad Lang Khao, anche se ci sono una manciata di altre opzioni lungo la stessa spiaggia. Se vuoi essere immerso nella cultura della pesca musulmana, salta la spiaggia e opta per una famiglia a Batu Bute, anche se tieni presente che sei molto lontano dalla buona spiaggia. Entrambi sono un giro in moto sidecar da Baan Maphao.

Haad Lang Khao avvolge un morbido sperone sulla costa sud-ovest di Ko Libong ed è fiancheggiato lungo questa bellissima spiaggia dorata che troverai la maggior parte delle opzioni di alloggio di Ko Libong. Da nord a sud, sono Libong Relax Beach Resort, Libong Beach Resort, Andalay Beach Resort, Mythra Mahasamuthra e, intorno alla costa sud della stessa spiaggia, Libong Anda View e Libong Sunset Beach Resort.

La nostra scelta del raccolto rimane il resort originale di Ko Libong, Libong Beach Resort (T: (089) 647 7030 Sito ufficiale Agoda Booking), che continua a fornire comfort, coerenza e valore per tutti, dai viaggiatori zaino in spalla economici alle famiglie numerose. Sobrio e accogliente, un prato ornato di palme da cocco lascia il posto alla spiaggia, dove dondoli, lettini e amache sono sistemati sotto ampi ombrelloni. Le cabine su palafitte con aria condizionata in legno e bambù (1.500 baht) sono abbastanza sparse sulla proprietà, consentendo un sacco di respiro. Quasi tutte le opzioni qui godono di una vista diretta sul mare e sono ideali per le coppie: anche le camere familiari (1.500 baht, 2.000 baht per la spiaggia) sono un ottimo affare. Gli interni spaziosi sono rustici e per nulla eleganti ma sono puliti e confortevoli, con soffitti alti, letti rigidi con coperte leggere sollevate da pavimenti in legno, ventilatori a parete (o aria condizionata), luci soffuse e alcuni tavoli. I bagni (in alcuni casi semi aperti) sono ampi, ma non il migliore progettato né il più pulito che abbiamo visto. Nella parte posteriore del resort ci sono una serie di bungalow alti e sottili con struttura ad A (1.000 baht) con rivestimenti bianchi e portici più piccoli. Sebbene sia più economico, riteniamo che optare per una zona più vicina alla spiaggia offra un valore notevolmente migliore.

Il vero punto di forza qui però è il personale. I proprietari della famiglia accolgono i viaggiatori da oltre 20 anni e si vede, in senso positivo! Il grande ristorante all’aperto serve cibo tailandese particolarmente buono da accompagnare con vista diretta sul mare dal tuo tavolo, compensando prezzi da moderati ad alti con porzioni abbondanti. Prima di un pasto, potresti fare un salto al padiglione sulla spiaggia per un massaggio tailandese.

Appena a nord di qui si trova il Libong Relax Beach Resort (T: (091) 825 4886; (094) 582 5113 Sito ufficiale Agoda Booking), così vicino (e così simile in molti modi) che potresti essere perdonato se pensi che sia tutto un grande resort. I bungalow (1.900 baht per il ventilatore, 2.400 baht per l’aria condizionata) si affacciano su un prato in vista della sabbia e sono dotati di pavimenti in legno, buoni letti rigidi, diverse finestre a elica e bagni con acqua fredda. Nonostante la mancanza di extra come frigorifero e TV, queste sono buone opzioni per le coppie che cercano un po’ più di stile. Relax offre anche bungalow familiari (2.500 baht per il ventilatore, 3.200 baht per l’aria condizionata) che possono ospitare quattro persone, anche se abbiamo ritenuto che il valore della famiglia fosse un po’ migliore al Libong Beach Resort. Un grande ristorante aperto include un bar centrale ben progettato che vale la pena fermarsi anche se non soggiorni qui: ordina qualche drink perché il cibo può durare per sempre. Il resort è affiliato con Phi Phi Relax Beach, quindi se ti è piaciuto lì,

A sud del Libong Beach Resort si trova l’ Andalay Resort (T: (095) 085 8899 Sito ufficiale Agoda Booking ) che è il più esclusivo di Libong e (a nostra conoscenza) ha l’unica piscina sull’isola. Potrebbe interessare più viaggiatori di fascia media in cerca di più comfort (e una piscina), ma abbiamo davvero preferito gli scavi nella vicina Mythra Mahasamuthra, specialmente per gli amanti che cercano qualcosa di più intimo. Sia il Libong Relax Beach Resort che il Libong Beach Resort hanno una spiaggia migliore e un’atmosfera più rilassata. Le tariffe partono da 6.000 baht per una camera deluxe fino a quasi 16.000 baht per una villa familiare, le tariffe precipitano in bassa stagione. Se opti per qui, assicurati di guardarti intorno per una tariffa scontata online.

Mitra Mahasamuthra resort a Ko Libong
Mitra Mahasamuthra resort a Ko Libong

Il prossimo a braccio è Mythra Mahasamuthra: prova a dirlo tre volte velocemente. (T: (081) 449 0665 Facebook Agoda Prenotazioni) Quando l’abbiamo visto per la prima volta abbiamo pensato che fosse una residenza privata, ma in realtà è un piccolo hotel con camere abbastanza eleganti (2.300 baht sul retro, 2.800 baht per una camera fronte mare), ed è la nostra scelta per i più romantici inclinato. Le camere sono grandi e la scelta migliore sono le due camere rialzate affacciate sulla spiaggia, progettate per aprire le tende e restare a letto tutto il giorno: valgono assolutamente i soldi extra. Le camere sono semplici ei letti sono rigidi, ma la luce naturale inonda. I bagni sono facilmente i più affascinanti che abbiamo visto sull’isola e sono immacolati. C’è un piccolo e semplice ristorante sulla spiaggia in loco e mentre abbiamo appena preso un caffè, la prospettiva è buona e il menu non ha un prezzo esorbitante. Forse l’unico avvertimento qui è che le camere sono solo raffreddate a ventola, e lo staff che ci ha mostrato in giro si è preoccupato di spiegare che durante il giorno le camere si riscaldano e non c’è la piscina, fortunatamente c’è un oceano proprio di fronte. Con solo quattro camere, è essenziale prenotare in anticipo. Se vuoi qualcosa di più in stile resort, soprattutto se vuoi una piscina, punta ad Andalay accanto. Personale amichevole.

Camminando verso sud, passerai per Libong Anda View (T: (081) 895 4565 Facebook Agoda ) che ha una manciata di chalet con aria condizionata color pesca (1.300 baht). Non siamo riusciti a trovare nessuno in loco per mostrarci in giro, ma il posto era chiaramente aperto per affari.

Tariffa semplice ma confortevole al Libong Sunset
Tariffa semplice ma confortevole al Libong Sunset

Proseguendo lungo la spiaggia incontrerai il Libong Sunset Resort (T:(064) 284 3050;(082) 411 2102 Facebook Agoda Booking) che offre alcuni dei letti più economici e il personale più cordiale su questa spiaggia. I bungalow con aria condizionata (1.700 baht) sono in buone condizioni e offrono un valore ragionevole per lo standard. Sono tutte separate dalla spiaggia da un prato costellato di sedie a sdraio, ma offrono comunque una vista sull’oceano e un’amaca infilata su ogni ponte. Alcuni dei bagni (dall’esterno) sembravano avere un po’ di un problema di umidità crescente, quindi se la prima stanza non è all’altezza, chiedi di vederne un’altra. C’è anche un edificio in legno più grande con camere più economiche con raffreddamento a ventola con servizi in comune (800 baht) che possono attrarre i viaggiatori in economia. Il resort è sostenuto da una collina sormontata da alberi della gomma e mentre la spiaggia direttamente di fronte è un po’ rocciosa, una discreta distesa di sabbia è a pochi passi di distanza. Libong Sunset Resort ha anche un ristorante e bar sulla spiaggia carino e socievole: questo è un luogo molto popolare tra gli europei. Nel complesso, Sunset offre probabilmente il miglior rapporto qualità-prezzo sulla spiaggia, ma Relax e Libong Beach Resort offrono entrambi camere più grandi. La bassa marea rivela un sacco di rocce al largo di fronte al resort, e con l’alta marea ti bagnerai un po’ se provi a camminare lungo la spiaggia verso gli altri resort.

Se non ti preoccupi della spiaggia e preferisci stare in uno dei villaggi dell’isola, ci sono alcuni alloggi in famiglia dentro e intorno al villaggio della costa orientale di Batu Bute (pronunciato ba-too-boo-tay) e le sue palafitte si affacciano su una baia tranquilla. Lo stile di alloggio in famiglia più modesto offre ai viaggiatori la possibilità di immergersi nello stile di vita tradizionale della pesca musulmana di Ko Libong e i prezzi possono essere allettanti: ricorda solo che sei una corsa in taxi sidecar dalla migliore spiaggia dell’isola. Tuttavia, sei molto vicino all’area di avvistamento del dugongo. Se non hai bisogno di una posizione fronte mare e sei soddisfatto di una sistemazione semplice, considera di stabilirti nel villaggio.

Alla fine del molo troverai BN Homestay (T: (089) 471 6464 ) che offre una serie di camere con ventilatore (300 baht) in un edificio con facciata. Il ponte al piano superiore offre una vista sul villaggio e sul molo oltre. Non lontano da qui, molto vicino alla moschea, Ko Libong Homestay (T: (099) 309 5757 ) è più attraente per il suo ristorante di pesce disposto sull’acqua rispetto ai semplicissimi bungalow a struttura anch’essi su palafitte. Diremmo mangiare qui ma non restare.

Più a est, a dieci minuti a piedi dal molo, si trova Libong Camp (T: (087) 276 2003 Sito ufficiale ) che dispone di bungalow con ventola e, come suggerisce il nome, di campeggio (a partire da 300 baht per una tenda che può ospitare due secondo il loro sito web), il tutto in un ambiente verdeggiante con vista sull’acqua. Il sito era deserto quando abbiamo gironzolato, quindi non abbiamo potuto ottenere le tariffe per i bungalow, ma sembrava essere aperto.

Ancora più a est arriva Saveena Homestay T: (087) 622 3147 Facebook ) che non abbiamo avuto il tempo di cercare, ma che è stato estremamente consigliato da un lettore di Travelfish a causa delle sue spettacolari offerte di pesce. Se ti piace il cibo, sembra che valga la pena cercarlo.


Dove mangiare a Ko Libong

La selezione limitata di ristoranti di Libong serve del buon cibo tailandese, con un numero sufficiente di opzioni per non annoiarti, almeno per un po’. Tutti i ristoranti chiudono entro le 21:00 o le 22:00, quindi assicurati di non fare un pisolino durante la cena per non soffrire la fame per una notte.

Molti viaggiatori non sentono mai il bisogno di allontanarsi dal ristorante sul mare all’aperto del Libong Beach Resort , che serve un lungo menu di piatti principalmente tailandesi che, secondo la nostra esperienza, superano le aspettative. I prezzi sono dove dovrebbero essere per la qualità e le grandi porzioni, a partire da 80 baht per le patatine fritte di base, 150 per i curry e 250 per i frutti di mare. Sono disponibili anche porzioni formato famiglia. Anche i ristoranti dei resort Relax e Sunset offrono cibo tailandese ragionevole, ma non toccano la qualità di Libong Beach.

Per qualcosa di più economico e più familiare, cammina verso sud lungo la spiaggia e intorno alla curva verso est fino all’affascinante ristorante Rimlay . Di proprietà di una famiglia nata e cresciuta a Libong, pochi tavoli si affacciano sulla spiaggia da una terrazza rialzata e offre un menu inglese di una sola pagina con piatti a partire dagli 80 baht circa. Si parla inglese molto limitato, ma il cibo è buono e conveniente. Il simpatico proprietario può anche organizzare gite in barca per vedere i dugonghi e altre destinazioni più lontane: le tariffe sono un po’ più economiche di quelle che pagherai nei resort.

Se stai cercando qualcosa di più locale, vai a Batu Bute dove ci sono un paio di ristoranti di pesce vicino all’acqua. Per raggiungerli, cammina lungo il molo e gira a sinistra: non puoi perderli. Non sorprende che l’attenzione sia rivolta ai frutti di mare e ai prezzi molto ragionevoli per le porzioni generose. Prova il granchio. Si parla poco inglese, anche se sono disponibili menu in inglese. Troverai anche minimarket di proprietà locale per andare con bancarelle lungo la strada che vendono dolci tailandesi e pollo alla griglia, tra gli altri spuntini, nel villaggio.


Cosa vedere e cosa fare

Ko Libong è ben posizionato per gite di un giorno alle spiagge superiori e ai siti per lo snorkeling che si trovano in una miriade di isole vicine, anche se potresti sempre rimanere nelle vicinanze nella speranza di avvistare un dugongo in via di estinzione che nuota pacificamente al largo.

Dugonghi e gite in barca

La maggior parte dei viaggi organizzati di dugonghi offerti sull’isola sono effettuati in barca a coda lunga, sebbene sia possibile anche il kayak. Abbiamo organizzato un viaggio tramite Mr Bangriam al ristorante Rimlay (vedi cibo sopra) e abbiamo pagato 900 baht (per la barca) per il viaggio di tre ore. Questo ci ha portato nell’area di avvistamento del dugongo e poi ci ha lasciati al molo da dove siamo entrati nel villaggio, ci siamo rimpinzati di pesce e poi siamo tornati a casa in motocicletta sidecar.

Dugongo! - Ko Libong
Dugongo! – Ko Libong

Siamo andati in automobile dal suo ristorante alla riserva di duguong (circa 30 minuti di viaggio) e poi siamo andati quasi alla deriva in attesa di vederne uno. Individuare i dugonghi è più o meno come pescare con gli occhi: dovrai essere molto paziente e avere occhi acuti per vederli, e non aspettarti di avvicinarti troppo. Siamo andati per circa due ore senza vederne, poi nell’ultima ora ne abbiamo avvistate quattro (o forse una quattro volte) e poi siamo scese in paese per il pranzo. L’ambientazione, sotto il promontorio di Point Dugong (vedi sotto) è adorabile per un po’ di galleggiamento anche se non vedi i dugonghi.

Se invece preferisci esplorare in kayak, ti ​​è stato consigliato Ko Libong Tours ( Facebook ), ma tieni presente che i dugonghi non affiorano sempre proprio accanto a te e potresti trovarti di fronte a molto più kayak di quanto ti aspettassi all’inizio. Possono anche organizzare una serie di altre eco-attività nell’area: consulta la loro pagina Facebook per i dettagli.

Una terza opzione, se non vuoi uscire in acqua, vai a Point Dugong o alla torre di guardia a Batu Bute e porta un binocolo quando ne avrai bisogno!

Per assicurarti di vedere qualcosa di interessante anche se non ci sono dugonghi, per un po’ più di soldi i viaggi longtail possono essere ampliati con soste incluse intorno a Libong che includono anche Saphan Hin (un piccolo ponte di roccia), la torre di osservazione a Batu Bute e il birdwatching nella riserva naturale della costa orientale vicino a Capo Ju Hoi. Aspettati di pagare circa 1.500 baht per la barca.

Se preferisci rimanere indipendente, puoi sempre noleggiare un kayak in uno dei resort della costa occidentale e pagaiare da solo, ma tieni presente che Libong non è una piccola isola. Se scegli questa opzione, ci sono un paio di spiagge piccole e totalmente non sviluppate tra la spiaggia del resort e l’area del dugongo. Con un po’ di pianificazione (es. pranzo al sacco e molta acqua) potresti farcela per un’intera giornata. Assicurati di prenotare un massaggio dopo per quelle braccia stanche.

Coloro che desiderano andare più lontano possono prenotare un viaggio per nuotare nella spettacolare Grotta dello Smeraldo di Ko Muk e fare snorkeling tra la barriera corallina meridionale di Ko Kradan (1.800 baht). Un’altra opzione è a sud, verso le splendide isole gemelle di Ko Lao Liang e altre barriere coralline intorno a Ko Takieng (2.400 baht). Tieni presente che questi viaggi più lunghi spesso dipendono dalla marea, poiché è impossibile guidare una barca fino alla spiaggia della costa occidentale con la bassa marea a causa degli abbondanti scogli. I prezzi possono sembrare alti, ma sono per la barca, quindi se riesci a trovare cinque o sei persone, i costi diventano molto più ragionevoli. Marea permettendo, parti presto la mattina per avere le migliori possibilità di avere destinazioni per te. I prezzi sopra indicati sono tramite Mr Bangriam: aspettati di pagare di più se prenotato tramite un resort.

Dugonghi puntiformi

Point Dugongs è uno dei migliori punti panoramici che si trovano su qualsiasi isola thailandese. In realtà non l’abbiamo scalato durante la nostra visita del 2019 (i bambini non ne avrebbero avuto niente), quindi la seguente è una versione modificata della visita di David Lueken nel 2016.

Dopo una salita impegnativa, una scala di legno ci ha portato su una piattaforma con vista su una miriade di isole che punteggiano l’acqua verde acqua. Situato all’estremità meridionale di Ko Libong, Point Dugongs – o Jud Chom Phayoon per usare il nome tailandese – è una torre calcarea naturale con grotte impressionanti che portano a viste altrettanto impressionanti.

Dugongo! - Ko Libong
Dugongo! – Ko Libong – lo scaliamo?

Il sentiero accidentato ci ha portato attraverso una splendida caverna con un ampio tetto spiovente. Calcare blu ghiaccio mescolato con turchese, verde mare e ambra sulle pareti per creare un affresco del design della natura. Passando attraverso un’apertura nella parete rocciosa, siamo emersi all’esterno su una tacca che offre viste sul mare attraverso le cime degli alberi. Abbastanza largo per una sola persona, una sporgenza sulla scogliera era stata dotata di una fune per impedire alle persone di cadere giù per la caduta infida.

In una stanza secondaria, un’ampia finestra circolare con vista sul mare costituiva un luogo ideale per immergersi nella tranquillità. Sul lato interno della collina, una robusta scala di legno ci ha portato a una scalinata che culminava in un grande ponte di legno. Anche se non abbiamo individuato dugonghi nell’acqua sottostante, i panorami erano meravigliosi.

A est, la torre viola per avvistare i dugonghi di Batu Bute sembrava un giocattolo molto in basso. Guardando a ovest, le scogliere carsiche di Ko Lao Liang, Ko Takiang e Ko Phetra sembravano abbastanza vicine da poterci saltare. Ko Adang e Ko Tarutao si profilavano all’orizzonte meridionale. Eravamo certi che le montagne più settentrionali della Malesia fossero solo nel nostro mirino.

Molti visitatori saranno soddisfatti della piattaforma panoramica, ma non abbiamo potuto resistere a un altro “sentiero” supportato da funi che porta fino alla vetta. La roccia quassù diventa estremamente tagliente, aumentando il senso di pericolo. Raggiunta la lastra di calcare più alta con i piedi piantati alla base di un alberello, abbiamo resistito alle farfalle che volteggiavano nel nostro stomaco per ammirare il panorama.

In piedi su gambe gommose dopo esserci persi brevemente sulla via del ritorno, siamo rimasti sorpresi dal fatto che il “passaggio della vetta” potenzialmente pericoloso e la sporgenza della scogliera fossero stati dotati di corde. Una caduta sarebbe tragica e anche una piccola scivolata potrebbe causare danni significativi a causa delle rocce taglienti. Indossa scarpe decenti, porta acqua e, se possibile, non tentare la salita da solo (nel peggiore dei casi, fai sapere a qualcuno che stai andando se lo fai).

Moto Ko Libong

Ogni volta che giriamo in moto per Ko Libong , ci imbattiamo in spiagge appartate, punti panoramici e persino interi paesaggi che in precedenza ci eravamo persi. Non lasciare che la spiaggia del resort ti trasformi in un’inutile pozza di relax finché non avrai esplorato i 40 chilometri quadrati dell’isola che nascondono tantissime sorprese. Questo anche dalla visita di David Lueken nel 2016.

Koh libong map
Koh libong map

Partendo da Haad Lang Kao , abbiamo preso la strada che attraversa l’isola verso est prima di svoltare a nord sulla strada principale della costa orientale, che è poco più di una stretta striscia di mattoni rossi e cemento. Passammo davanti a case semplici adornate con giardini fioriti, una delle quali ospitava una competizione per vedere quale bulbul dai baffi rossi avrebbe cantato più a lungo. Tali gare di canto degli uccelli sono popolari in tutto il sud della Thailandia: almeno 25 uomini si sono sfidati quel giorno, alcuni dei quali hanno partecipato a diversi uccelli ciascuno.

Intorno al centro del lato orientale di Libong, abbiamo notato una strada sulla nostra mappa che tagliava a est, finendo vicino al mare. Bene, perché non provarci? Dopo aver superato i piacevoli odori di un inceneritore di rifiuti, la corsia è diventata sterrata e poi sabbia bianca e polverosa che è stata una sfida da percorrere. Con alberi arruffati, erbe alte e macchie di sabbia incredibilmente fine, il paesaggio ci ha ricordato la savana che ricopre Ko Phra Thong.

Un vecchio ci ha rivolto un sorriso curioso mentre parcheggiavamo la bici e ci avviavamo a piedi. Diversi percorsi hanno attraversato alberi solitari che abbiamo cercato di ricordare, per non perderci al ritorno. Alla fine siamo emersi in una spiaggia di mangrovie dove alcuni bambini locali hanno giocato nel surf. Da qui potremmo avere un’idea della vastità della riserva faunistica che copre la penisola orientale di Libong.

Tornati sulla strada principale, abbiamo deviato verso il molo di Baan Ao Maphao per fare il pieno e prendere alcuni spiedini di pollo alla griglia. Abbiamo quindi svoltato su una strada laterale contrassegnata con “HLAM-TO-CHAI”, in direzione del remoto nord di Libong. La strada divenne presto sterrata, costeggiando alberi di gomma prima di deviare verso il mare. Cavalcammo ripidamente in salita, un varano che correva via.

Quando la strada si è livellata, ci siamo fermati a guardare il mare in basso, solo in parte visibile attraverso gli altissimi dipterocarpi. Poi la strada scese gradualmente, svoltando bruscamente fino a costeggiare l’estremo nord-ovest dell’isola. Non abbiamo visto traccia di civiltà fino a quando un cartello in legno dipinto a mano non ha attirato la nostra attenzione: “Saphan Hin”.

Ciò significa ponte di roccia in tailandese, e avevamo sentito parlare di una cosa del genere da qualche parte su Libong che è spesso inclusa nei tour in barca. Scendendo lungo un sentiero nel bosco, arrivammo a una spiaggia dove un uomo del posto sedeva a leggere su un’amaca e alcune donne cercavano crostacei in mezzo a gruppi di rocce rosso-brunastre.

All’estremo angolo meridionale di questa spiaggia, che pensiamo si chiami Ao Tokhae , il ponte di roccia è più simile a uno stretto tunnel che si infila per diversi metri tra la sabbia e il surf. Alcuni piccoli uccelli si esibiscono in un’impressionante routine di acrobazie aviarie, volando in alto sopra la spiaggia prima di lanciarsi in picchiata sotto il ponte e sfrecciare sul mare.

Ci siamo spinti a sud sulla strada rocciosa, una giungla lussureggiante che sorgeva dalle colline vicine che si assottigliava in fattorie che coltivavano cocco, gomma, eucalipto e frutta. Nelle vicinanze sorgevano modeste case di legno, che presumibilmente ospitavano i contadini. Provenienti dalla caotica Bangkok, abbiamo invidiato le loro vite tranquille in questo sperduto angolo del regno.

ponte di pietra a ho Libong
ponte di pietra a ho Libong

Quando abbiamo raggiunto la casa alla fine della strada e abbiamo chiesto ai residenti se potevamo continuare ad andare nel loro cortile, hanno riso mentre gridavano: “No! Voi! Spiaggia!” Nella direzione che indicavano, abbiamo visto una macchia di mare che luccicava al sole del tardo pomeriggio e un minuto dopo siamo entrati in Haad Thung Ya Ka . L’ampia distesa di sabbia dorata era vuota, a parte qualche granchio eremita che correva.

Questo sarebbe stato un bel posto da ammirare al tramonto, ma con un’ultima tappa nella nostra agenda, siamo tornati indietro lungo la strada per cui eravamo venuti. Verso l’estremo angolo sud-orientale di Libong, abbiamo preso la corsia laterale per il villaggio di Batu Bute , dove il sole calante proiettava un bagliore di ottone sulle case su palafitte e sulle barche a coda lunga.

Emergendo sulla lunga passerella del villaggio che termina con una torre di cinque piani costruita per avvistare il dugongo , non potevamo smettere di guardare indietro al pittoresco villaggio e alle alte torri verdi e dorate della sua moschea. Molti locali si sedevano o passeggiavano tranquillamente sulla baia, altri tornavano dalle loro barche dopo un’altra giornata di pesca.

Molto più robusta della passerella, la torre è alta almeno 80 piedi e offre ampie vedute sul mare e su diverse isole a sud. Da qui, il villaggio sembra un insieme di case giocattolo. Avevamo la torre tutta per noi mentre la luna sorgeva su Ko Sukorn e alcune altre barche a coda lunga tornavano a casa.

Il sole tramontava sulle colline, colorando di arancione l’intera baia. Quando siamo tornati alla nostra moto, era già buio. Ancora una volta, Ko Libong ci aveva mostrato perché un’isola non dovrebbe essere giudicata solo dalle sue spiagge.

Anche se questo viaggio è durato solo circa tre ore, potresti passarci una giornata facendo un po’ di relax e facendo picnic in alcune delle spiagge. La benzina può essere acquistata dai distributori automatici fai-da-te o dai chioschi nei villaggi (cerca bottiglie piene di cose che potrebbero essere scambiate per liquori o bibite). C’è pochissimo traffico su Libong, ma fai attenzione sulla strada accidentata del nord. Le moto possono essere noleggiate vicino al molo di Baan Maphao e nei resort Relax o Libong Beach. Chi ha un po’ di energia potrebbe fare questo viaggio anche in bicicletta. Altrimenti, sali su un taxi sidecar per motociclette e dì “Saphan Hin!”


Come arrivare a Koh Libong

Da/per la terraferma
Dalla città di Trang, i minibus vanno direttamente al molo di Hat Yao ogni ora dalle 07:00 alle 16:30 per 100 baht a persona. Questi possono essere presi alla vecchia stazione degli autobus (Bor Kor Sao Gao) su Sathanee Road a Trang, ma non sono contrassegnati in inglese ed è più facile chiedere a un agente di viaggio vicino alla stazione ferroviaria di chiamare l’autista per un ritiro. È un giro di 45 minuti a Hat Yao.

Al molo di Hat Yao, i traghetti locali partono per Libong circa ogni due ore fino alle 16:00 e costano 50 baht a persona. I biglietti si acquistano presso un desk al molo, ed è possibile portare a bordo una moto pagando un supplemento. Quando arrivi al molo di Baan Maphao su Libong, sono disponibili moto taxi sidecar per portarti in qualsiasi resort per 100 baht a persona.

Un trasferimento privato da Trang a Hat Yao dovrebbe costare circa 1.000 baht. Aspettati di pagare almeno 700 baht per una barca longtail privata da Hat Yao a qualsiasi località della costa occidentale.

Da/per altre isole
Mentre Libong non è direttamente accessibile da nessun altro dei motoscafi da isola in alta stagione, il traghetto ad alta velocità Tigerline si ferma al molo di Baan Maphao in alta stagione e può portarti a nord a Phuket, Ko Phi Phi, Ko Lanta, Ko Ngai, Ko Muk e Ko Kradan ea sud fino a Ko Sukorn, Ko Bulon Lae e Ko Lipe. Consulta il sito Web di Tigerline per gli orari e le informazioni sulla prenotazione o prenota i tuoi biglietti tramite 12Go Asia

Sono disponibili anche trasferimenti privati ​​in barca longtail diretti da Libong a Ko Kradan, Ko Muk, Ko Sukorn e Ko Lao Liang. Aspettati di pagare tra 1.800 e 2.500 baht per barca se prenoti tramite un resort, a seconda dell’isola, e un po’ meno se noleggi Mr Bangriam dal ristorante Rimlay. Nota che se arrivi a Haad Lang Kao (spiaggia del resort di Libong) con la bassa marea, dovrai camminare attraverso diverse centinaia di metri di rocce grezze e coralli: i barcaioli potrebbero rifiutarsi di lasciarti lì invece di portarti al villaggio.

Le moto possono essere noleggiate al Libong Beach Resort, Relax Resort per 300 baht al giorno. Sono disponibili anche a Baan Maphao allo stesso prezzo: chiedi a chiunque al molo di indicarti la giusta direzione. Entrambi questi resort noleggiano anche biciclette per 100 baht al giorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.