Logo di sawadee

La prostituzione in Thailandia I luoghi famosi

La prostituzione in Thailandia: I luoghi famosi

I luoghi famosi.

Sebbene ci siano zone per la prostituzione in pressoche’ ogni citta’ thailandese alcune sono diventate piu’ famose, sono queste principalmente le zone che si trovano in localita’ frequentate da turisti e in particolar modo Patpong, Nana Plaza, and Soi Cowboy in Bangkok, Patong in Phuket e Pattaya.
● Patpong consta di due strade laterali parallele tra Silom Road e Surawong Road e una strada secondaria che va dalla parte opposta della Surawong. Patpong è raggiungibile a piedi scendendo dal BTS Skytrain alla stazione Sala Daeng della linea per Silom o dal MRT Bangkok Metro alla stazione Si Lom della Linea Blue.
Patpong 1 è la strada principale con molti bar di vario genere. Patpong 2 e’ sullo stesso tipo. Accanto a queste si trova Soi Jaruwan, a volte indicato come Patpong 3, ma meglio conosciuto come Silom Soi 4. E’ da tempo luogo di gay, mentre nel vicino Soi Thaniya si trovano bar costosi con hostess tailandesi che si rivolgono quasi esclusivamente agli uomini giapponesi.
Patpong prende il nome dalla famiglia che possiede gran parte della proprietà della zona, i Patpongpanich, immigrati da Hainan, in Cina, che hanno acquistato l’area nel 1946. A quel tempo si trattava di un appezzamento di terra non sviluppata, alla periferia della città, un piccolo Klong (canale) e una casa in legno di teak. La famiglia costrui’  una strada – ora si chiama Patpong 1 – e diverse shophouses che furono affitte. Patpong 2 è stato aggiunto in seguito, ed entrambe le strade sono in realtà di proprietà privata non sono strade della città. La cosiddetta Patpong 3 e Soi Thaniya non sono di proprietà della famiglia Patpongpanich. La vecchia casa in teak è stato abbattuto da tempo e il klong è stato coperto per far spazio a più shophouses. Originariamente era un’area dove si svolgevano affari normali, la venuta dei bar avrebbe in seguito scacciato la maggior parte delle altre imprese.
Nel 1968, alcuni locali notturni esistevano nella zona erano piu’ che altro utilizzati come luoghi di  riposo e divertimento per truppe statunitensi in servizio nella guerra del Vietnam. E’ negli anni dal 1970 al 1980 che Patpong diventa la principale zona di vita notturna in Bangkok, ed e’ diventa famosa per i suoi spettacoli di sesso esplicito. A meta’ degli anni ’80 Patpong ospita l’annuale Mardi Gras, una fiera di strada che genera considerevoli quantità di denaro per opere di beneficenza tailandese. Dalla fine degli anni ’80, la famiglia Patpongpanich comincia ad affittare piccoli lotti in mezzo a Patpong 1 per un mercato notturno.
Oggi, le aree di vita notturna di Nana Plaza e Soi Cowboy fanno una forte concorrenza a Patpong. Tuttavia, Patpong è l’unica area in Bangkok all’interno della zona ufficiale dei divertitimenti, decretata come tale dal governo thailandese nel 2004, questo permette ai locali che si trovano in questa zona di rimanere legalmente aperti fino alle  2, al posto dell’ora di chiusura legale delle altre aree che e’ l’1. L’applicazione di questa legge è stata inizialmente molto stretta, ma poi si e’ smorzata nel tempo.
Oggi ci sono segni che Patpong si sta allontanando dall’industria del sesso e intende fornire altri tipi di intrattenimento. Ora ci sono una serie di bar con musica dal vivo che attirano sia thai che turisti, nonché un certo numero di ottimi ristoranti.

● Nana Plaza è un distretto a luci rosse in un edificio a 3 piani di Bangkok, che si dice essere il più grande complesso di sesso del mondo intero. Si trova sulla Sukhumvit Road Soi 4 di fronte l’Hotel Nana, a pochi passi dal BTS Skytrain stazione Nana. Il nome deriva dalla famiglia Nana, che aveva in Lek Nana il membro più importante, che possiede molte proprietà nella zona e ha molta influenza in Thailandia. La zona serviva principalmente clienti europei e americani tuttavia da pochi anni vi si trovano anche uomini giapponese in fuga dai locali dedicati a loro che hanno in effetti prezzi troppo alti.

Il Plaza è un edificio di forma quadrata con un solo ingresso sul lato occidentale, ed è costituito da un piano terra e da due piani aggiuntivi. Ha iniziato come zona per ristoranti alla fine del 1970. Durante i primi anni ’80 i go-go bar cominciarono ad apparire e poco a poco sostituirono i ristoranti. La composizione di quei bar è cambiato nel corso degli ultimi anni, molti bar hanno aperto come semplici pub, vendono birra senza ballo. Tre hotel a ore si trovano al piano superiore. La maggior parte delle bargirls che lavorano a Nana Plaza sono disposte a uscire con i clienti dietro pagamento di una multa al bar per il mancato lavoro. Mentre molti bar in Nana Plaza non utilizzano kathoeyi, altri lo fanno in esclusiva. Nana Plaza e’ il luogo dove si muove Sonchai Jitpleecheep il detective delle storie di John Burdett.
● Soi Cowboy e’ una corta strada, lunga appena 400 metri ma comprende circa 40 bar, è simile a Nana Plaza e Patpong e si rivolge principalmente ai turisti ed espatriati.
Si trova vicino Sukhumvit Road, tra Sukhumvit Soi 21, chiamato anche Soi Asoke, e Soi 23, a pochi passi dal BTS Skytrain fermata di Asok e dalla metropolitana di Bangkok fermata Sukhumvit. Il Grand Millennium Hotel si trova nelle vicinanze. I go go bar che si trovano qui seguono lo schema comune in Thailandia: le bevande alcoliche vengono serviti da donne in bikini che di volta in volta ballano su un palcoscenico. Donne che danzano in topless o anche nude si possono vedere occasionalmente, in alcuni bar, ma sono illegali. La maggior parte delle ballerine sono anche prostitute e sono disposte ad uscire col cliente se paga una “multa bar” al bar e una tariffa a parte per loro. Prestazioni sessuali si svolgono normalmente nella camera d’albergo del turista.
La zona prende il nome dal TG “Cowboy” Edwards, un aviatore americano in pensione che apri’ qui uno dei primi bar nel 1977. Edwards era un afro-americano, prese il suo soprannome, perché indossava spesso un cappello da cowboy.
● Lasciando Bangkok per Pattaya troviamo Walking Street. Si tratta di un’attrazione turistica che richiama i cittadini stranieri e thailandesi, soprattutto per la vita notturna. E’ quartiere a luci rosse con molti go-go bar e bordelli. La strada va dalla fine sud di Beach Road al molo Bali Hai. E’ chiusa ai veicoli dalle 18:00 alle 02:00 e il parcheggio per le auto e’ disponibile alla fine di Bali Yai. L’area comprende ristoranti di pesce, locali con musica dal vivo, bar, birrerie, discoteche, bar sport, go-go bar e discoteche, ed è illuminata di notte da molte insegne al neon colorate. L’orario di chiusura è stato esteso alle 02:00 per gli stabilimenti di intrattenimento.
Pattaya ospita anche la piu’ grande area gay di tutta l’Asia che comprende Boyztown e Sunee Plaza. Quest’ultima e’ famosissima si trova appena fuori Soi VC, che a sua volta si stacca dalla seconda strada a sud di Pattaya. È costruito attorno a due strade parallele, con una strada di unione. Tutti gli edifici di Sunee Plaza sono di proprietà della signora Sunee, una cittadina tailandese, e sono affittati a imprese diverse. Con più di 50 attivita’, Sunee Plaza vanta la più grande collezione di locali gay concentrati in una sola zona in Thailandia. Dopo un raid della polizia nel luglio 2008, tutti i bar sono stati trovati perfettamente in regola, nessuno ospitava la minima attività illegale.
●  Patong Beach in Phuket è altrettanto famosa per la sua vita notturna che è incentrato su due aree principali Bangla Road e ‘Paradise Complex’,  Bangla Road e’ prevalentemente rettilinea  mentre il ‘Paradise Complex’,  è prevalentemente gay. Entrambe le strade sono piene di molti bar a tema, discoteche, e go go bar. La prostituzione in Thailandia è illegale, ma tollerata come è il caso di Patong Beach, soprattutto in Bangla Road, dove ci sono molti uomini anziani occidentale che si dilettano a bere con donne thailandesi molto più giovani piu’ giovani di loro. La maggior parte delle discoteche di Patong addebitare una tassa di ammissione di 100 baht, ma piuttosto che essere una tassa d’iscrizione è in realtà il prezzo minimo per sedere bere in quanto si ottiene un buono che da diritto alla consumazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.