Perché le persone di Bangkok sono così diverse?

0
266
living in BKK

Perché le persone di Bangkok sono così … diverse?

Molti pensano che se ti stai trasferendo a Bangkok? Non lo dovresti fare. Molti pensano che i Bangkokiani sono ostili, frenetici, stressati e scortesi. Sicuramente non hanno inventato lo slogan “Land of Smiles” nella capitale.

Sara’ ma penso che se avete una buona opportunità dovete prenderla al volo. Almeno cosi’ pensavo fino a qualche anno fa.  Ora, a distanza di parecchio tempo, comincio sempre più a rendermi conto che il  tipo di affermazione rozza e intelligente, che molta gente pensa, non era così errato come pensavo inizialmente.

Non è che Bangkok sia un brutto posto in cui lavorare. Bangkok è fantastica per questo ed è senza dubbio il posto migliore per fare soldi in Thailandia. In nessun altro luogo hai così tante opportunità di business, di lavoro e di networking come qui e sei estremamente motivato vedendo tutte queste macchine costose, nuovi condomini, centri commerciali e persone di successo intorno a te ogni giorno.

Ma ci deve essere un motivo per cui difficilmente incontri espatriati che vivono e lavorano qui da più di 10 anni consecutivi. Almeno nessun dipendente dell’azienda, forse alcuni ragazzi fanno le proprie cose come liberi professionisti o ragazzi che gestiscono attività indipendenti dalla posizione che consentono loro di uscire da Bangkok ogni volta che ne hanno voglia.

Perché è questo il punto. Vivere a Bangkok è come una relazione d’amore-odio. Almeno lo è per molti espatriati. Un giorno un espatriato mi ha detto “Devo andarmene da qui almeno una volta ogni due mesi e se è solo per un weekend in spiaggia. E quello che ho trovato più a lungo vivo qui, più breve voglio che questi intervalli siano e più lungo è il viaggio che voglio fare fuori città. Ma diventa sempre più difficile se lavori in un ufficio e hai solo 15 giorni di ferie all’anno”. È così che la maggior parte dei Farang con lavoro a tempo pieno si sente e parte del motivo per cui ci sono ancora così pochi “normali” impiegati stranieri che vivono qui? Credo di si.

Ma allora perché, perché tendiamo a sentirci annoiati, infelici o stressati più a lungo viviamo a Bangkok rispetto a luoghi come Phuket o Chiang Mai? Penso che tutto si riduce a:

I Bangkokiani sono così diversi dagli altri thailandesi

Penso che sia importante capire che i thailandesi non lasciano le loro famiglie e i loro amici nelle loro province perché pensano che Bangkok sia più divertente, ma perché pensano di poter fare più soldi qui.

Incontrerai a malapena i thailandesi in questa città che dicono che si divertono a vivere qui.
In realtà la maggior parte di loro dice che non gli piace, fa sempre così caldo, sempre così occupato, la gente sempre così ostile. Fanno un viaggio fuori città (dtàang jang-wàt, ต่าง จังหวัด, letteralmente “un’altra provincia”) ogni volta che possono e per molte sfortunate persone non così ben pagate l’unica possibilità di tornare a casa è durante Songkran, i padri giorno o festa della mamma e per importanti occasioni familiari come matrimoni o funerali.

>

Se hai la fortuna di parlare con qualche bella cameriera di qualche bistrot di Sukhumvit Soi 13 e lei ti dira’ che è annoiata (bʉ̀a – เบื่อ) e stanca (nʉ̀ai – เหนื่อย) di lavorare in quel bar affollato in quella strada affollata in quella via affollata città per meno soldi di quanto inizialmente si aspettasse quando ha lasciato la sua città natale a Phitsanulok.  Sentirai: “Smetto di lavorare qui alla fine del mese e torno a casa, kǎai kɔ̌ɔng (ขาย ของ)”, ha detto – per aver vendere “cose” da qualche parte nella sua città natale, e di solito sono vestiti che qualcuno ha comprato a Bangkok che inviano  per poi venderli per un piccolo profitto. O semplicemente un piccolo negozio d’angolo. “Meno soldi, giusto?”, Vi verra’ da direi e lei dira’ “Châi, dtɛ̀ɛ sàbaai gwàa” (ใช่ แต่ สบาย กว่า – Sì, ma più comodo, il che significa tanto più felice).

Se i thailandesi non si sentono bene (sàbaai dii, สบาย ดี) non si limitano a fare facce tristi, ma agiscono in modo più egoistico di quanto farebbero nelle loro province di origine. Se hai mai lasciato l’ascensore in un affollato edificio per uffici e alcune persone entrano senza guardare o semplicemente camminano in un’area in cui ci sono molte persone e persone che camminano incrociate e fai di tutto per evitare di colpirle – lo sai quello che intendo.

Uno dei valori fondamentali del popolo thailandese è sempre stato il greeng-jai (เกรงใจ – essere premurosi con gli altri). Sfortunatamente, questo valore è diventato meno diffuso nella società di Bangkok negli ultimi anni ed è anche peggio che non meritare lo slogan “Land of Smiles”. E proprio come in qualsiasi capitale dei paesi in via di sviluppo, non è raro che alcune delle persone infelici e sfortunate intraprendano attività criminali o prostituzione.

Prostituzione. Se non ci fossero così tante giovani donne tailandesi che non sono felici con i loro 9.000 Baht al mese che lavorano in un frenetico ristorante e decidono di iniziare a lavorare nel settore dell’intrattenimento orientato agli uomini di Bangkok, molti ragazzi occidentali passerebbero le loro vacanze altrove. Nessun dubbio a riguardo.

E anche le prostitute a Bangkok, se le paragoni a Pattaya o Phuket: se cammini lungo Soi 4 a Nana è molto raro in questi giorni che le ragazze inizino a urlarti per l’eccitazione come fanno in Soi 6 a Pattaya o Bangla Road a Phuket . Ancora una volta, ciò dipende dal fatto che le persone e le ragazze del bar non fanno eccezione, si sentono meno felici qui che in altre città tailandesi.

Per me vivere a Bangkok è come una relazione d’amore-odio. Ancora una volta, è divertente e pieno di opportunità, tuttavia più a lungo vivi qui più vuoi essere indipendente ed essere in grado di uscire sulla spiaggia per alcuni giorni ogni volta che ti senti e non essere bloccato in un ambiente noioso e / o sottopagato lavoro di giorno o inizierai a fare facce serie prima o poi come molti thailandesi che si sono trasferiti qui dai loro villaggi. E anche in questo modo.