Logo di sawadee

Santuario del pene di Bangkok -Chao Mae Tuptim

tuptim penis shrine

I bambini sguazzano in piscina. I genitori oziano sui lettini, mescolandosi brevemente per evocare un’altra bevanda fresca da un membro dello staff elegantemente vestito. La vita è sabai sabai . È una scena che viene replicata quotidianamente nei resort e negli hotel di tutta la Thailandia. La stessa scena si stava svolgendo allo Swissotel Nai Lert Park Hotel di Bangkok quando ci sono stato qualche settimana fa. Ma non ero ospite dell’hotel, ero lì per vedere di persona uno dei luoghi più insoliti di Bangkok. A meno di 100 metri da dove i turisti sorseggiavano casualmente i loro Siam Sunrayray è un piccolo santuario, nascosto discretamente e fuori dalla vista degli ospiti paganti. Avvicinandoti al santuario, vedi la casa degli spiriti in legno rialzata adornata con ghirlande di gelsomino fresco e calendule e l’aria umida è appesantita dalla fragranza dell’incenso. Il sentiero che conduce al santuario è fiancheggiato da simpatiche figurine in ceramica di bambini che a prima vista sembrano fuori luogo visto quello che si sta per assistere, ma a ben pensarci sono del tutto in linea con la storia del santuario.

Santuario del pene di Bangkok 2

E poi li vedi. Ovunque guardi; la tua sinistra, la tua destra, davanti. Piccoli, grandi, grandi quanto un frigorifero. peni. O lingam, per essere più precisi. Non so se esiste un nome collettivo per i peni; una falange, forse, ma ce ne sono centinaia in mostra qui. Realizzati in pietra o legno, molti dei lingam sono avvolti da fasce colorate. Alcuni di quelli di legno sono stati dipinti di rosso e riposano accanto alla base di un grande albero, mentre quelli di pietra sono alti e orgogliosi più vicini alla casa degli spiriti.

Santuario del pene di Bangkok

Santuario del pene di Bangkok

Santuario del pene di Bangkok 3

Ma perché sono qui? Come spesso accade in Thailandia, ci sono spiegazioni diverse a seconda di chi parli e di chi credi.

La leggenda di Chao Mae Tuptim

Una targa all’ingresso del santuario recita:

Le origini di Chao Mae Tuptim sono oscure. Si può solo ricordare che una casa degli spiriti fu costruita da Nai Lert per lo spirito che si credeva risiedesse nel grande albero Sai (Ficus).

Le offerte di base sono ghirlande profumate di fiori di gelsomino bianchi come la neve, bastoncini di incenso, boccioli di loto rosa e bianco. Chao Mae Tuptim ha ricevuto un altro tipo di dono, un po’ meno convenzionale, di forma fallica, sia piccolo che grande, stilizzato e molto realistico. Nel corso degli anni sono stati portati a migliaia e oggi riempiono l’area intorno al santuario. Di fronte alla straordinaria esposizione il santuario è stato automaticamente concluso per essere dedicato alla fertilità.

Le parole sulla targa suggeriscono solo il folklore che si è sviluppato intorno a questo particolare santuario. Nai Lert (1872-1945) era un uomo d’affari di Bangkok che originariamente possedeva questa terra e altre aree nell’area di Ploenchit di Bangkok, incluso il sito dell’ambasciata britannica a pochi passi di distanza. Una storia dice che Nai Lert trovò una casa degli spiritigalleggiando nel khlong (canale) dietro la sua terra. Lo ripescò e lo eresse sulla sua proprietà. Che sia vero o meno o che abbia semplicemente fatto costruire una casa degli spiriti, ne esiste una qui dal 1920 circa ed è stata eretta per onorare lo spirito femminile, Chao Mae Tuptim, che si dice risieda in uno degli alberi adiacenti a la casa degli spiriti. Secondo alcune storie che sono state tramandate nel corso degli anni, subito dopo che Nai Lert ha collocato la casa degli spiriti sulla sua terra, una signora che ha fatto un’offerta al santuario è rimasta incinta poco dopo la sua visita. La voce si sparse e in poco tempo il santuario attrasse donne che volevano concepire. I lingam sono stati portati come segno tradizionale di fertilità, ma il santuario ha anche un assortimento di altri oggetti tra cui figure in miniatura di elefanti, cavalli e ballerini. Gli occhi acuti noteranno anche che oltre alla pletora di peni ci sono offerte più femminili tra cui collane, pettini, fasce per capelli e vestiti che sono tutti lì a beneficio di Chao Mae Tuptim. C’è anche un vecchio schedario, ma non ho idea se sia per l’uso di Mae Tuptim per tenere traccia di chi l’ha visitata o se è stato scaricato lì ad un certo punto nel tempo.Questa è la Thailandia , quindi entrambe le opzioni sono possibili!

Chao Mae Tuptim

Lingam e simboli fallici nella cultura thailandese

Sebbene la Thailandia sia un paese prevalentemente buddista, è anche un paese in cui le credenze indù e animiste coesistono insieme a pratiche buddiste più tradizionali. La casa degli spiriti thailandesi è un classico esempio di qualcosa di origine animista e può essere visto in tutta la Thailandia. Non devi cercare lontano anche i segni dell’influenza indù, con le statue di Ganesh una vista comune nei templi buddisti e fuori da una serie di attività commerciali. Il fallo o lingam è un simbolo del dio indù Shiva ed è talvolta indossato dai thailandesi, uomini e donne, sotto forma di ‘ paladkig‘ una sorta di portafortuna che può essere indossato discretamente (o non così discretamente in alcuni casi) intorno alla vita. Questo simbolo fallico è associato alla fertilità e alla virilità, ma ha anche una reputazione per la protezione e per portare fortuna, quindi di tanto in tanto capita di vedere lingam in piccoli negozi in Thailandia e aziende indipendenti. Lontano da Bangkok, probabilmente l’esempio più famoso di lingam visto dai turisti in Thailandia si trova nella grotta di Phra Nang a Krabi . A volte il dio scimmia, Hanuman, è raffigurato anche sul simbolo fallico e ci sono esempi di questo stile di lingam nel santuario di Chao Mae Tuptim.

Chao Mae Tuptim Shrine 2

Visitare il Santuario Chao Mae Tuptim

L’hotel non pubblicizza apertamente il Santuario Chao Mae Tuptim e sebbene i visitatori stranieri siano i benvenuti, non bisogna dimenticare che si tratta di un santuario e come tale dovrebbe essere trattato con il dovuto rispetto. Il santuario si trova su un piccolo appezzamento di terreno all’interno del parco dello Swissotel Nai Lert Park Hotel* e può essere difficile da trovare. Ho chiesto al personale di sicurezza all’ingresso dell’hotel e anche se mi hanno dato indicazioni chiare in tailandese, ho quasi sbagliato strada e ho dovuto chiedere a un altro membro del personale. Se guardi l’hotel dalla parte anteriore, il santuario è all’esterno, all’estrema destra. In realtà non è necessario entrare nell’hotel, ma è necessario percorrere il vialetto e poi giù per un sentiero che porta a una strada di servizio che a sua volta conduce attraverso un parcheggio coperto verso il santuario. È difficile spiegare la posizione esatta a causa della disposizione dell’hotel, ma se menzioni Chao Mae Tuptim a un membro dello staff, dovrebbero essere in grado di indirizzarti. Un altro percorso, più facile da spiegare, è attraversare la hall dell’hotel e poi scendere i gradini verso la piscina all’aperto. Una volta fuori è necessario svoltare a destra fino a vedere la strada di servizio. Torna su te stesso in modo da avere alle spalle i campi da tennis e l’area fitness e camminare verso il canale. Vedrai una piccola capanna di sicurezza dell’hotel sulla tua sinistra e continua a camminare lungo la strada un po’ più avanti e vedrai un piccolo appezzamento di terra con un sentiero che conduce alla casa degli spiriti in legno rialzata e al santuario. dovrebbero essere in grado di indirizzarti. Un altro percorso, più facile da spiegare, è attraversare la hall dell’hotel e poi scendere i gradini verso la piscina all’aperto. Una volta fuori è necessario svoltare a destra fino a vedere la strada di servizio. Torna su te stesso in modo da avere alle spalle i campi da tennis e l’area fitness e camminare verso il canale. Vedrai una piccola capanna di sicurezza dell’hotel sulla tua sinistra e continua a camminare lungo la strada un po’ più avanti e vedrai un piccolo appezzamento di terra con un sentiero che conduce alla casa degli spiriti in legno rialzata e al santuario. dovrebbero essere in grado di indirizzarti. Un altro percorso, più facile da spiegare, è attraversare la hall dell’hotel e poi scendere i gradini verso la piscina all’aperto. Una volta fuori è necessario svoltare a destra fino a vedere la strada di servizio. Torna su te stesso in modo da avere alle spalle i campi da tennis e l’area fitness e camminare verso il canale. Vedrai una piccola capanna di sicurezza dell’hotel sulla tua sinistra e continua a camminare lungo la strada un po’ più avanti e vedrai un piccolo appezzamento di terra con un sentiero che conduce alla casa degli spiriti in legno rialzata e al santuario. Torna su te stesso in modo da avere alle spalle i campi da tennis e l’area fitness e camminare verso il canale. Vedrai una piccola capanna di sicurezza dell’hotel sulla tua sinistra e continua a camminare lungo la strada un po’ più avanti e vedrai un piccolo appezzamento di terra con un sentiero che conduce alla casa degli spiriti in legno rialzata e al santuario. Torna su te stesso in modo da avere alle spalle i campi da tennis e l’area fitness e camminare verso il canale. Vedrai una piccola capanna di sicurezza dell’hotel sulla tua sinistra e continua a camminare lungo la strada un po’ più avanti e vedrai un piccolo appezzamento di terra con un sentiero che conduce alla casa degli spiriti in legno rialzata e al santuario.

La stazione BTS Skytrain più vicina è Ploenchit. Uscendo dalla stazione BTS devi camminare lungo Thanon Witthayu (Wirelesss Road) oltre l’ambasciata britannica alla tua sinistra. Lo Swissotel Nai Lert Park Hotel* si trova poco più in alto sulla sinistra. Puoi anche arrivare in taxi acqueo usando il canale Khlong Saen Saeb e scendendo a Tha Witthayu ma devi comunque accedere all’hotel usando le stesse indicazioni sopra.

Aggiornamento: il Santuario Chao Mae Tuptim sposta la sede
Lo Swissotel Nai Lert Hotel di Bangkok ha chiuso i battenti alla fine del 2016/inizio 2017. Il terreno su cui sorgeva l’hotel è stato venduto al Bangkok Hospital Group e il santuario Chao Mae Tuptim è stato spostato in una posizione vicina. Una versione più piccola e più ordinata del santuario originale e dei lingam descritti in questo articolo può ora essere trovata sul terreno della Nai Lert Park Heritage Home .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.